• Luca Gonzatto

Il Dono del Silenzio | Thich Nhat Hanh

Aggiornato il: feb 21

<script data-ad-client="ca-pub-1175809946090372" async src="https://pagead2.googlesyndication.com/pagead/js/adsbygoogle.js"></script>Trascorriamo tempo a cercare la felicità fuori quando questa, la maggior parte delle volte, la si trova sempre dentro di noi.


Hai mai provato ad osservare la pioggia che cade, lo sbocciare di un fiore oppure, semplicemente riflettere su come il nostro corpo esista grazie ad un’infinità di reazioni chimiche rese possibili da miliardi di cellule che dentro di noi incessantemente lavorano?


Il silenzio ci permette di riallinearci al nostro cuore ed alla nostra vera natura e la consapevolezza del qui ed ora, scrive Thich Nhat Hanh in Il Dono del Silenzio, è lo strumento più grande per spegnere il rumore interno fatto di pensieri e rendersi conto che siamo vivi adesso.

Siamo quello che sentiamo e percepiamo. Se siamo arrabbiati siamo la rabbia. Se siamo innamorati siamo l'amore. Se guardiamo un innevato picco di montagna siamo la montagna. Mentre sogniamo siamo il sognoThich Nhat Hanh


La Consapevolezza viene spesso descritta come una campana che ci consente di fermarci e rimanere in silenzio.


In pochi secondi di respiri consapevoli possiamo riportare la consapevolezza del presente con una ricaduta positiva nella qualità della nostra vita.

Così come si impara a respirare o camminare, allo stesso modo si può imparare ad ascoltare silenzio.


Può volerci del tempo, ma con l’abitudine si riesce ad ascoltare il silenzio, trascendendo i rumori esterni.


All’inizio infatti si sentiranno solo rumori, interferenze che riportano la mente ad altro ma piano piano, i rumori si allontaneranno e si creerà uno spazio interno.


Un bell’esercizio che vorremmo consigliarti sul silenzio è quello tratto dal libro Il Dono del Silenzio

ESERCIZIO

  1. Siediti in una posizione comoda e rilassata, con la colonna vertebrale ben eretta;

  2. Porta attenzione al tuo respiro;

  3. Inspirando pronuncia mentalmente la frase “il mio respiro diventa profondo”.

  4. Espirando senti risuonare dentro di te “il mio respiro diventa lento

  5. Ripeti questo esercizio per qualche minuto;


Nella sua semplicità ed essenzialità, siamo sicuri che ti potrà stupire perchè a volte basta veramente poco per rendersi conto della fortuna che abbiamo nel poter vivere, semplicemente, qui ed ora.

La nostra vera casa è “l’ora”. Vivere l’istante presente è un miracolo. Thich Nhat Hanh


Per Approfondire


Letture Consigliate








2,027 visualizzazioni